Finalmente è arrivata l’estate! È più facile trascorrere i fine settimana al mare o fare un pic nic all’aperto, oltre ovviamente a godere delle tanto desiderate vacanze! E cosa c’è di meglio se non un bel piatto di pasta fredda da mangiare all’aperto, magari in compagnia? Ecco qualche consiglio sul caldo e come affrontarlo mangiando pasta fredda.

Proprietà della pasta fredda

In estate, con il caldo, si tende a consumare maggiormente cibi freddi. Perciò si preparano più frequentemente insalate di riso, di orzo, di farro e di pasta condite nei modi più svariati. Questi piatti, oltre ad essere più appetibili, hanno anche un grande beneficio. Infatti la pasta contiene dei composti amido-resistenti: si tratta di carboidrati simili alla fibra solubile, che nutrono la flora batterica invece di essere digeriti dal nostro organismo. La cottura e il successivo raffreddamento della pasta fanno sì che la concentrazione dei composti amido-resistenti aumenti, favorendo a lungo andare la perdita di peso: infatti, gli alimenti ricchi di fibre aumentano il senso di sazietà e riducono l’appetito, diminuendo così l’apporto di calorie giornaliero.

Pasta fredda per tutti i gusti

È arrivato il caldo… e come affrontarlo mangiando pasta fredda? Un modo sano (e classico!) per fronteggiare la calura è preparare la pasta fredda con pomodoro fresco, olive, parmigiano o mozzarella, basilico e olio. Ma le varianti sono tantissime.

Oltre ai pomodori si possono utilizzare altre verdure come zucchine, peperoni, melanzane, crude oppure grigliate o cotte in forno; si possono adoperare legumi come i piselli o i ceci. Le paste più adeguate per una buona insalata di pasta sono quelle corte e piccole, come penne o paccheri